Alcuni trucchi per velocizzare la nostra Ubuntu

25 settembre, 2012 1 Commento »

Ubuntu Linux, grazie anche alla sapiente mano di Canonical, è sempre stato uno tra i sistemi operativi più veloci, sia per quanto riguarda il boot, sia per quanto riguarda la rapidità di esecuzione ed avvio dei vari software. C’è però dell’altro che può essere fatto per migliorare ulteriormente le prestazioni del sistema.


Uno dei primi trucchi che si può utilizzare per velocizzare l’avvio delle applicazioni che più usiamo è installare Preload.

Questo software controlla le applicazioni che l’utente avvia, analizzando i loro dati e cercando di predire quali saranno avviate in futuro. Per tutte le applicazioni trovate, Preload precarica le librerie e le dipendenze richieste all’esecuzione per minimizzare i loro tempi di avvio.

L’installazione è semplicissima. Essendo già presente nei repository ufficiali, basta utilizzare Ubuntu Software Center o digitare il comando:

sudo apt-get install preload

Una volta installato il programma non c’è bisogno di avviarlo, infatti viene automaticamente eseguito in backgroud.

Il secondo software che può rivelarsi utile nel nostro intento è BleachBit. Questo programma è fondamentale per ripulire la nostra partizione dagli innumerevoli file che vengono lasciati in giro dalle applicazioni che usiamo quotidianamente. File di cache del browser e del player Adobe Flash, file temporanei di APT e cronologia di Bash sono solo alcune delle cose che è possibile cancellare con pochissimi click. L’installazione è analoga alla precedente:

sudo apt-get install bleachbit

Altre informazioni su BleachBit sono disponibili anche in questo nostro tutorial.

Ora alcuni trucchi da smanettoni. Il programma in questione è Zram. Esso non fa altro che simulare una partizione di swap in un area compressa in memoria RAM anziché sul disco. In questo modo, quando il sistema operativo accede a questo spazio, dato che le operazioni di I/O sono più veloci in RAM rispetto a quelle su disco fisso, si ha un aumento delle prestazioni.


Questa applicazione non è nei repository ufficiali quindi è necessario installarla aggiungendo prima il PPA:

sudo add-apt-repository ppa:shnatsel/zram

sudo apt-get update

sudo apt-get install zramswap-enabler

In alternativa è possibile scaricare direttamente il pacchetto. Anche in questo caso, una volta installato il programma non c’è bisogno di avviarlo, viene automaticamente eseguito in backgroud.

Infine un trucco per aumentare la velocità di avvio del sistema operativo. GRUB, il bootloader predefinito in Ubuntu Linux, ha un timeout nel quale attende che venga selezionata, per essere avviata, una voce diversa da quella di default. Questo timeout è di 10 secondi ma può ovviamente essere modificato diminuendo di conseguenza il tempo di avvio. Per effettuare questa operazione occorre aprire il file di configurazione di GRUB:

sudo gedit /etc/default/grub

editare la linea contenente la voce “GRUB_TIMEOUT” e cambiare il valore a nostro piacimento. Successivamente occorre aggiornare GRUB:

sudo update-grub

al prossimo riavvio si vedranno i risultato di questa modifica.

Oltre a questi trucchi, ovviamente, rimane un ultimo e fondamentale regola per migliorare le prestazione di un sistema GNU/Linux: effettuare una corretta e periodica manutenzione del sistema. Tutte queste cose unite assieme daranno di certo un sistema più veloce e scattante che mai.

Potrebbero interessarti ...

  • gizmo

    queste suindicate guide sono molto utili, ma bisogna specificare che comunque possono comportare problemi, o perdita di configurazioni.