MENU
gogCOM_linux

Giochi su Linux: dopo Steam è la volta di...

ext4

EXT4: nel nuovo kernel 3.7, migliorato anche il resize...

5 ottobre 2012 Commenti (1) Visualizzazioni: 0 Copertina, Eventi

Sviluppi? Ecco 5 progetti open che hanno bisogno di te!

Greg Kroah-Hartman stende la lista dei 5 grandi nomi del mondo Open Source ideali per sviluppare con soddisfazione


Anno dopo anno, sempre più sviluppatori si avvicinano al mondo GNU/Linux, contribuendo in maniera attiva alla realizzazione di questo o quel progetto. Chi, fra questi non vorrebbe diventare uno sviluppatore del kernel Linux? Probabilmente nessuno si lascerebbe scappare quest’occasione, anche chi, magari, almeno all’inizio non si sentirebbe all’altezza.

Ma l’idea di poter contribuire anche in minima parte alla realizzazione del cuore di ogni distro in circolazione affascina un po’ tutti.
Ed è così che gli sviluppatori più esperti guardano al kernel Linux come l’unica vera meta da raggiungere. Atteggiamento sbagliato, secondo Linus Torvalds, che proprio al LinuxCon di quest’estate ha dichiarato:

Ci sono tonnellate di progetti Open Source veramente degni che hanno bisogno di aiuto.

Della stessa opinione sembra essere Greg Kroah-Hartman, uno dei più noti sviluppatori del kernel Linux. È vero, se proprio vogliamo diventare parte attiva del mondo Open Source, c’è realmente l’imbarazzo della scelta, ma proprio per questo non è semplice scegliere un progetto non solo vincente ma che ci dia anche soddisfazione.

È proprio per questo che lo stesso Greg Kroah-Hartman ha steso una lista dei 5 progetti più meritevoli: X.org, il framework per la creazione di ambienti GUI; LibreOffice, la nota suite d’ufficio; GNOME e KDE, gli ambienti desktop più utilizzati nel mondo GNU/Linux; ed infine, l’applicazione che preferiamo di più.

E allora, se anche tu vuoi diventare un nuovo sviluppatore, non hai che da scegliere un progetto Open Source e rimboccarti subito le maniche!

Fonte: Linux.com

  • http://www.shadowlionheart.it/ Valentino Francesco Mannara

    Sì ma alla fine sono cose che sanno tutti, anche i sassi.
    C’è bisogno non solo di validi sviluppatori ma anche di fondi… e quelli mancano sempre.