Microsoft: .NET diventa quasi open-source

5 ottobre, 2007 8 Commenti »

Dopo aver passato gli ultimi anni, della sua intensa attività sul mercato, a lanciare continue campagne di FUD contro l’eterno rivale GNU/Linux, pare che Microsoft si sia decisa sull’inevitabilità di passare all’open-source per alcuni dei suoi progetti più apprezzati.


Con una mossa a sorpresa, Microsoft ha di recente annunciato la disponibilità, non imminente ma comunque prevista per fine anno, del codice sorgente per le librerie di base di .NET, ASP.NET, Windows Forms, ADO.NET, XML, WPF all’interno del .NET Framework 3.5 e Visual Studio 2008.

Il codice sarà rilasciato sotto licenza Ms-RL, ossia la Microsoft Reference License, e gli sviluppatori potranno praticamente “vedere ma non toccare” il codice dei suddetti progetti. Ecco perchè abbiamo utilizzato quel titolo per questa notizia. Dunque nessuna manomissione potrà essere fatta al codice, tuttavia sarà possibile darci un’occhiata. Scott Guthrie, general manger Microsoft, ha dichiarato che questa iniziativa servirà soprattutto agli sviluppatori per eseguire un debug appropriato delle loro applicazioni. In particolare ha scritto sul suo blog: “Andando a leggere il codice sorgente sarà più facile avere una visione d’insieme su come le librerie del Framework .NET siano implementate e ciò permetterà agli sviluppatori di creare applicazioni migliori e magari utilizzarle meglio.

L’idea, dunque, è quella di aiutare gli sviluppatori ma già molti di loro si sono lamentati per questa finta possibilità di accesso ai codici sorgente. Per gli sviluppatori non è concepibile il fatto che la società di Redmond abbia permesso di dare un’occhiata ai propri beni senza dare la reale possibilità di toccarli con mano. Ricordiamo che la Ms-RL non è riconosciuta dall’Open Source Initiative (OSI) come licenza open-source, malgrado gli ultimi tentativi della società di farla diventare tale.

Concludiamo dicendo che si tratta di un apparente vero e proprio “Open Source a metà” da parte Microsoft. Qual è il vostro punto di vista sulla faccenda? Perché, secondo voi, la Microsoft ha concesso questo, chiamiamolo così, privilegio a tutti gli sviluppatori?

di Vincenzo CiagliaTuxJournal.net

Potrebbero interessarti ...

  • http://psychomantum.wordpress.com psychomantum

    perchè son dei falsi -_-  

  • http://www.fedoraitalia.org diego

    Vendono la loro visione dell'OpenSource. Vendono una cosa fatta male, come se fosse la cosa migliore. Vendono prodotti Microsoft.

    Falsi.

  • http://www.tuxjournal.net cga

    L’unica azione concessa agli sviluppatori è la possibilità di segnalare bug tramite il product feedback center.

    capita l'antifona??

  • lightuono

    Invece di prendersi le loro responsabilità e correggere gli errori preferisco farseli correggere dagli altri.. che serietà di merda!! Non oso vedere quanti commenti di vergogna gli arriveranno per gli orrori di programmazione..

  • Luca

    Mi ricordo quando fu, per sbaglio naturalmente, rivelata parte del codice di Windows 2000, ci fu una vera e propria esplosione di articoli che rivelavano veri e propri obrobri informatici.

  • riva.dani

    A me sembra un’enorme vittoria per il mondo open! Non per il fatto che si potrà avere il framework .NET sotto una finta licenza open, quanto per il fatto che la Microsoft ha pubblicamente ammesso che il modello di sviluppo migliore è quello open. Vi rendete conto che niente popò di meno che il GM dell’azienda ha dichiarato che avendo a disposizione il codice si possono scrivere programmi migliori? Che gli sviluppatori traggono vantaggi indiscussi dal modello del software Open Source? La Microsoft ha sempre sostenuto il contrario! Per questo a me sembra una bella vittoria, anche se nessuno dovesse mai vedere il codice di .NET…

  • miticojo

    Beh io la vedo comunque come un passo in più verso l'integrazione… e quindi un arricchimento per gli sviluppatori. 

    Per rispondere agli altri interventi della pagina, penso che chi parla male del framework .net 2 è veramente ignorante… e credo che farebbe bene per sua crescita professionale quantomento a leggere e documentarsi sulle potenzialità che offre nell'ambiente microsoft.

    Per chi comunque lavora con linux una bel lavoro lo fa  Mono e lo consiglio! 

  • http://coolsoft.altervista.org Niko

    Cercate un motivo per cui MS sta per "rilasciare" il codice? Questo è il mio pensiero: lavoro da anni con il .NET framework e mai, e dico mai, ho sentito la necessità di dare un'occhiata al suo codice sorgente.
    Se uso una libreria, e il framework in fin dei conti è un insieme di librerie, testo i rsultati che mi fornisce in base alle specifiche; non mi voglio preoccupare di come sono ottenuti…
    Gli sviluppatori (e le loro aziende) per avere accesso al codice di Microsoft (e non poterlo modificare… cosa lo guardi a fare se non per prendere spunti?) devono registrarsi e fornire i propri dati.
    Da quel momento in poi diventano attacabili dal punto di vista del copyright, nel momento in cui dovessero implementare un algoritmo che fosse già presente nel Framework di MS.
    Per questo motivo agli sviluppatori di MONO, con i quali ho avuto interessanti contatti, è assolutamente vietato usare strumenti tipo Reflector, che permettono di decompilare il codice IL.
    Il capo di MONO, Miguel de Icaza, ha ribadito il concetto, invitando i suoi sviluppatori e contributors ad ignorare la Microsoft Reference License.

    IMHO