Dopo Ubuntu 8.10? Jaunty Jackalope!

10 settembre, 2008 11 Commenti »

Mentre i sostenitori di Ubuntu fremono per l’ormai prossimo rilascio di Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex, Mark Shuttleworth ha dichiarato nella mailing list di sviluppo che il suo staff è già al lavoro per rispettare i tempi di consegna della prossima distribuzione.


La versione di Ubuntu che vedrà la luce nell’ultima settimana di Aprile 2009 prenderà il nome di Jaunty Jackalope (Lepre Cornuta). “La lepre è il nostro talismano. Crediamo che Ubuntu possa ragionevolmente occupare un posto di rilievo accanto ai sistemi operativi più blasonati, quali sono quelli di Microsoft ed Apple”, ha affermato Shuttleworth, sicuro che il prodotto della Canonical possa spianare la strada al software libero a discapito degli eterni concorrenti.

Le principali migliorie svelate saranno sicuramente la riduzione dei tempi di boot sia su un pc tradizionale che su un laptop o su un dispositivo mobile e la completa integrazione tra desktop e web. “L’utente non dovrà più fare distinzione tra web e desktop, saranno entrambe un’unica applicazione”, ha continuato il papà di Ubuntu.

Grandi novità anche per gli sviluppatori che potranno confrontarsi ed inviare le proprie modifiche tramite Bazaar per far si che tutti possano visionare le modifiche proposte. Insomma, grandi promesse e molta attesa; ma ora è il turno dello Stambecco Intrepido!

FONTE: Desktop Linux

di Gianluca VarrazzoTuxJournal.net

Potrebbero interessarti ...

  • matrobriva

    Meno male che linux sta crescendo…Ma tuxjournal non si concentra più sulle altre distribuzioni?Ad esempio OpenSuse è ottima, tanto che sto creando delle distro derivate!

  • phed look

    io non farei molto affidamento su opensuse sopratutto perche e in collaborazione con la microsoft

  • http://www.tuxjournal.net gianluca.varrazzo

    @ matrobriva: Personalmente non amo molto quella distro, già provata e troppo fuori dal mio modo di operare.

    @ phed look: Mah, questo è un modo di vedere le cose che non condivido, in quanto qualsiasi collaborazione di qualsiasi società non deve essere visto in modo deleterio solo per il nome che porta. Se la collaborazione è ottima, niente da dire; se la collaborazione è deleteria allora potremo parlarne all’infinito.

  • Massimo

    Ubuntu cresce ogni giorno di piu’… e’ un bel po che lo uso e mi trovo benissimo.. ci ho messo un po per abituarmi ma devo dire che non ha paragoni con Windows… non si blocca… non mi da errori..
    Con windows spesso c’eano momenti in cui volevo buttare il PC dalla finestra.
    L’ho installato anche sul PC di alcuni amici e si trovano una meraviglia e ancora mi ringraziano.

  • matrobriva

    Invece io mi trovo molto bene con OpenSuse. Ma che storia è quella della microsoft? Altrimenti Fedora?

  • http://www.ilpestifero.net ilPestifero

    NO-vell…

  • Di_ME

    mo andate a cagare voi a opensuse fa schifo perche’ collabora con microsoft, opensuse funziona da dio ed e’ configurabilssima mentre ubuntu va bene finche’ non esci dei suoi paletti delle 3 cose che hanno pensato che un utente possa fare, dopo inizi a smadonnare inutilmente sulla shell di sudo, perdendo ore e ore per fare cose che con opensuse fai in pochi semplici passi.

    Avete rotto i maroni voi ubuntumaniaci, sembra che per voi linux = ubuntu, ubuntu = linux … invece ubuntu = una fra le tante… e nemmeno la migliore!

  • mr.shadow

    parli proprio come un fan di microsoft.
    se una distro linux collabora con MS, va contro tutti i principi delle comunità linux, senza differenze tra distro.
    MS ha rovinato il mondo dell’informatica (parliamo di windows dal 95 a vista, passando per win server?) e ora che il free software si riprende un piccolo pezzetto di quello che gli spetta, c’è ancora gente che si schiera a favore di un uomo che fa milioni di dollari su prodotti alquanto discutibili?
    non si discute che la distro che usi funzioni bene. si discute che la collaborazione con MS sta incarcinando una distro che prima era ottima e seguiva la filosofia linux. ora non è piu cosi. non solo: hanno permesso a MS di mettere le mani in un mondo che era sempre riuscito a tenerla lontana.
    bell’affare va…

  • http://www.tuxjournal.net gianluca.varrazzo

    @ mr.shadow:

    Io non sono così estremista e continuo a pensare che un innesto mirato e fatto con cura possa essere anche interessante. E’ un pò come se sei contro lo sfruttamento minorile, però poi compri prodotti di marche che sotto sotto sfruttano proprio questa forza lavoro. Un pò di elasticità mentale è necessaria.

  • Di_ME

    x mr.shadow e tu parli proprio come un linuxaro talebano, anche io odio microsoft e windows mi fa schifo ma ti ricordo che non e’ stata novell che e’ andata a leccare i piedi a microsoft ma Microsoft che s’e’ dovuta piegare alle pressioni del mercato che e’ andata a cercare e a pagare una partner che la aiutasse a migliorare l’interoperabilita’ di Linux con Windows, aprendo ad essa specifiche e quant’altro che fino ad allora era segreto, tralasciando la scimmiate di ballmer, che sono solo gli strilli di un gorilla che vuole la banana, gli utenti Linux invece di puntare il dito a accusare di tradimento novell dovrebbero festeggiare quello che invece e’ un grande successo di Linux, una palese dimostrazione che e’ un sistema valido e una palese dimostrazione che ormai microsoft non puo’ piu’ nulla contro di esso (se non puoi sconfiggere un nemico fattelo alleato)…

    Quindi io continuo a usare opensuse perche’ e’ una distribuzione estremamente valida, versatile e di immediato uso e configurazione nelle piu’ disparate configurazioni, dal desktop al server, mentre ubuntu per tantissimi aspetto gli e’ inferiore e sopratutto continuero’ a mandare a F… chi dice “opensuse no perche’ lecca il C a Microsoft”.

  • happynguino

    A me sembra che, a parte le preferenze personali (meglio una distro oppure l’altra) sia tempo di puntare a creare un vero mercato desktop per Linux. Il fatto che io stia commentando da Intrepid Ibex non vi svii: anch’io penso che Linux sia certamente un sistema operativo superiore a WIndows ma, dopo una decina d’anni di forse e di ma, sarebbe ora passata di concentrarci tutti sugli sviluppatori, facendo in modo che il supporto giunga anche per LInux.
    Altrimenti tutto bello, veloce eccetera ma allora ditelo: Linux è per chi vuole ottimizzarsi il PC, è per quelli che amano come il sottoscritto studiarsi la macchina e poi usare un sistema operativo.
    Insomma, ora come ora ci si sta perdendo in battaglie inutili. Anzi, utili a Microsoft.